Textalyser: uno strumento che aiuta a scrivere chiaro

scrivere un testo chiaroÈ sempre molto raro imbattersi in qualche contenuto web che parli del grado di comprensibilità e del grado di leggibilità di un testo. Eppure lo scrivere semplice, cioè appunto il creare testi comprensibili e leggibili è qualcosa di fondamentale per la comunicazione efficace. E ciò vale sia per l’autore che pubblichi sulla Rete che per quello che pubblichi sulla carta.

Girando sul web, ho stavolta scoperto Textalyser, uno strumento online che analizza i tuoi testi e che ti dà un riscontro su di essi, spiegandoti se funzionano oppure no proprio a livello di efficacia della comunicazione del messaggio. Questo strumento si può adoperare in tre modi: copiando e incollando il testo da analizzare, inserendo nel campo apposito l’URL di una pagina web oppure allegando un file. Il mio test si è limitato alla prova della funzione di copia e incolla: la restituzione del feedback è stata velocissima.

Unica nota spiacevole: il tool funziona solo per i testi in lingua inglese e francese… Questo però non ti deve spaventare! Puoi infatti usare questo strumento di analisi linguistica anche per i documenti in lingua italiana. Non tutti i dati saranno attendibili, ma uno in particolare sì. Mi riferisco all’indice Gunning Fog, che misura la leggibilità di un testo. Questo indice tiene conto della lunghezza delle frasi e della lunghezza delle parole. In sostanza: più le frasi sono brevi e più le parole in esse utilizzate sono corte, più il testo sarà fluido e accessibile ai lettori.

Perciò, se vuoi provare a far analizzare un tuo testo, poi va’ a guardare il risultato che Textalyser restituisce per l’indice Gunning Fog. A mio giudizio, la risposta dovrebbe essere piuttosto attendibile anche per la lingua italiana, poiché essa si comporta come l’inglese e il francese: al crescere della lunghezza delle frasi e della lunghezza delle parole, il lettore accusa difficoltà di lettura in tutte e tre le lingue.

Ma come leggere in modo pratico il risultato dell’indice Gunning Fog? Esiste una scala interpretativa? Sì, c’è. Un valore pari a 6 sta a significare un testo molto leggibile. Invece, un valore che sia aggiri attorno al 20, sta a indicare un testo che darà molto filo da torcere alla maggior parte dei suoi lettori.

A questo punto sta a te decidere. Nel senso che sei tu che conosci il destinatario della tua scrittura e che, in base a ciò che l’indice ti mostra, puoi decidere se il testo che hai creato va bene oppure deve essere riscritto da cima a fondo. Già, perché se il tuo obiettivo è scrivere una e-mail per una campagna di e-mail marketing, ti conviene tenere quell’indice più basso possibile. Se invece stai scrivendo un articolo per l’Accademia della Crusca, puoi permetterti di stare più alto.

Ad ogni modo, il consiglio è sempre quello di cercare di scrivere più chiaro che puoi, in ogni occasione. Il tuo target ti ringrazierà di certo! E se i tuoi obiettivi saranno commerciali, è proprio il caso di dire che il tuo sforzo sarà… ripagato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*