Content marketing: come lo usano le aziende del B2B nel 2022?

content marketing

Mi sono accorto che non avevo ancora scritto nulla sull’autorevole rapporto annuale B2B Content Marketing Benchmarks, Budgets and Trends del Content Marketing Institute e Marketing Profs. Quali sono le novità sul marketing dei contenuti per il 2022? Scopriamolo assieme!

I risultati del sondaggio confermano un futuro roseo per il content marketing. In effetti, questa fondamentale pratica del marketing ha visto aumentare il numero dei suoi estimatori all’interno delle aziende, nonostante i tempi difficili che si vivono sui mercati internazionali.

Nello specifico, queste sono le tendenze che più mi hanno colpito. (Ti consiglio ad ogni modo di scaricare e leggere per intero il documento).

I budget destinati al content marketing sono in continua crescita

Nonostante l’incertezza e le difficoltà che molte aziende hanno dovuto affrontare lo scorso anno, le imprese non hanno diminuito – anzi! – i loro investimenti nel marketing dei contenuti. Un tempo, questi investimenti erano considerati spese non strategiche, ma oggi sono oramai entrati da protagonisti nei budget aziendali.

Il 43% degli intervistati afferma infatti che il budget per il content marketing nel 2021 è aumentato rispetto a quello del 2020. E ancora: il 66% degli intervistati dice di aspettarsi per il 2022 un’ulteriore crescita del budget destinato al marketing dei contenuti. Pochissimi hanno visto diminuzioni degli investimenti quest’anno o se le aspettano per il prossimo futuro.

Quali tipi di contenuti stanno producendo le aziende?

Articoli e post sui blog continuano a essere di gran lunga il tipo di contenuto più comune, con il 90% dei marketer che fanno content marketing che ha affermato che li aveva previsti nel proprio piano editoriale nell’ultimo anno. I testi scritti sono seguiti da:


• Video (66%)
• Eventi virtuali, webinar, corsi online (64%)
• Casi di studio (61%)

E quali sono, tra questi, i contenuti che danno i maggiori risultati? Eventi virtuali, webinar e corsi online sono stati indicati dal 58% degli intervistati come i migliori sul piano dei risultati. Report e contenuti testuali si sono classificati al secondo posto, con il 48% delle preferenze.

Quali obiettivi di content marketing perseguono le aziende?

Proprio come l’anno scorso (e l’anno prima e l’anno prima), fare brand awareness è l’obiettivo più frequentemente raggiunto dai marketer B2B che fanno content marketing con successo. Ma c’è un distinguo da fare tra le aziende che ottengono un grande successo con i contenuti e quelle che ne ottengono di meno. E cioè? I marketer B2B che sono bravi a produrre e a far funzionare i loro contenuti si concentrano molto sul rafforzare le relazioni con i clienti e la loro fedeltà alla marca, invece di andare alla caccia disperata di nuovi lead (cosa che invece fanno i marketer che ancora non ottengono un grande riscontro con i propri contenuti). Evidentemente, le aziende più abili con il content marketing sanno bene che si fa meno fatica a vendere a chi ti conosce già piuttosto che andare alla disperata ricerca di nuovi clienti…

LinkedIn è la scelta numero uno quando si tratta di pubblicare contenuti organici o distribuire contenuti a pagamento

LinkedIn è la principale piattaforma social per distribuire contenuti B2B sia organici che a pagamento. Ed è stata giudicata dalle aziende che operano nel B2B e che hanno partecipato al sondaggio il social media più efficace in quanto a risultati. Nello specifico, quando si tratta di produrre risultati attraverso l’advertising a pagamento, LinkedIn è in vantaggio di 25 punti percentuali rispetto alla piattaforma al secondo posto, mentre per i risultati organici il divario è ancora più ampio (+40% su Facebook).

In conclusione…

Il content marketing non è morto, tutt’altro. D’altro canto, è una tattica di marketing che si usa da tantissimo tempo. Se un’azienda ha pazienza, nel medio e lungo termine, i risultati arrivano, sempre. I trend di questa autorevole indagine sono lì a dimostrare che sempre più aziende sfruttano il marketing dei contenuti. In particolare, quelle che hanno iniziato a farlo già da qualche anno hanno aumentato il budget da dedicare a tale pratica di marketing.

E tu? Hai un’azienda? Fate content marketing? Con quali risultati? Lascia un commento qui sotto pe condividere la tua opinione!

Vuoi vendere più prodotti e servizi?
Comunica in modo da distinguerti.
>>> Contattami e parliamone! <<<


come un'azienda può diventare un brandQuesto post che spiega che cos’è il referral marketing e perché è così importante per una PMI è stato scritto da Alessandro Scuratti, content marketing specialist e business blogger.
Da oltre 20 anni mi occupo di comunicazione per le aziende, come business writer e come content marketer. Dal 2011, gestisco questo mio blog, che raccoglie migliaia di visite ogni giorno. Sono anche l’autore di Scrivere per il web 2.0.
Vuoi finalmente capire come riuscire a sfruttare il marketing dei contenuti per vendere più prodotti e servizi al tuo target di clienti? Contattami ora attraverso il form in questa pagina!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*