4 modi per aumentare i visitatori del tuo blog

come aumentare traffico web blogUno dei desideri più grandi di chiunque abbia aperto un blog è questo: veder crescere sempre più il numero di visitatori che lo leggono. In effetti, tutti noi vorremmo avere un gran seguito di lettori online. Se sei un blogger, prima o poi verrai contagiato anche tu: cercherai di scoprire come fare ad aumentare il traffico verso la tua creatura sul web.  🙂

Per far sì che i tuoi contenuti raggiungano il maggior numero possibile di lettori, puoi attuare una serie di accorgimenti per rendere il blog più interessante e popolare nella Rete, e di conseguenza per attirare più curiosi che lo seguano.

Adam Connell, autore di Blogging Wizard, ha steso una guida step-by-step per centrare questo obiettivo: si tratta di una preziosissima risorsa che richiede una adeguata dose di concentrazione e tempo da dedicarvi, ma che dà risultati concreti sul medio e lungo periodo. Per dare un assaggio del contenuto della guida, Connell ha condensato i principali consigli in una comodissima infografica (clicca sull’immagine in alto a destra per vederla nella sua interezza).

Che cosa devi dunque fare per riuscire a convogliare un traffico web maggiore verso il tuo blog? Puoi seguire questi quattro consigli:

  1. Cambia il tuo approccio verso i contenuti
  2. Ottimizza il tuo blog
  3. Fa’ e-mail marketing in modo intelligente
  4. Cerca di capire come possono aiutarti gli altri blogger

#1. Cambia approccio verso i contenuti per aumentare la portata del traffico verso il tuo blog

Per dare una spinta decisiva al traffico verso il tuo blog, devi innanzitutto rivedere il modo in cui crei contenuti, cioè i tuoi post.
Prima di tutto, è buona norma avere una linea certa da seguire per la stesura dei tuoi articoli. Quindi, per non restare a secco di idee, non dimenticare di creare un buon calendario editoriale, e costruiscilo pensando a contenuti che possano generare un buon traffico. Che cosa vogliono leggere i lettori? Di che cosa hanno bisogno? Quali sono i problemi a cui cercano risposte? Scrivi per aiutarli, e sarai già a un buon punto. Dopo tutto, questo è lo stesso obiettivo del content marketing.
Allo stesso tempo, abbi cura di scrivere titoli più accattivanti, che riescano ad attirare l’attenzione del pubblico della tua nicchia, altrimenti rischi di essere confuso con la miriade di altri blogger del tuo settore: il web è pieno di distrazioni, devi saperti distinguere e catturare subito l’interesse degli utenti della tua nicchia.
Ricordati anche dei tuoi vecchi post: non sono roba vintage, aspettano solo che l’autore li rispolveri e dia loro nuova vita, arricchendoli di elementi nuovi e rendendoli più attuali. Oppure aspettano che magari aggiunga qualche elemento visual che li renda più accattivanti già a una prima occhiata.
Per dare nuova linfa al tuo blog, puoi anche fare due chiacchiere con i colleghi: scrivi articoli menzionando altri blogger e avvisali della citazione. Oppure intervista un grande blogger che opera nella tua nicchia. O anche: raccogli un insieme di interviste ai tuoi colleghi, scrivendo poi un post che dia il quadro delle loro opinioni circa l’argomento su cui li hai interpellati.
Infine, valuta di chiedere a un bravo e affermato blogger di scrivere un contributo per il tuo blog: in questo modo, il tuo progetto web acquisterà autorevolezza, e se un esperto si fida di te perché non dovrebbero farlo pure i lettori?

#2. Ottimizza il tuo blog

Dopo aver dato una sistemata alla sostanza, è tempo di passare a diversi dettagli tecnici del blog.
Prima di tutto, devi occuparti del design del tuo progetto, assicurandoti che sia leggero e che sia allo stesso tempo anche responsive. Questo perché devi dare a tutti la possibilità di godere del contenuto del tuo blog, cioè non soltanto a chi si collega da un pc, ma anche a tutti quanti si ritrovano a leggere i tuoi articoli da mobile – e quindi da un display decisamente più piccolo.
Un design leggero permette al blog di caricarsi più velocemente, ma la velocità è influenzata anche dal caricamento delle singole pagine: controlla che siano abbastanza veloci per non mettere il lettore in fuga dal tuo blog.
Successivamente, elimina tutte le distrazioni inutili: va bene avere qualche banner pubblicitario qua e là, ma rendere i tuoi post la fiera dei neon con ads troppo aggressivi è controproducente per l’usabilità!
Infine, dopo aver creato una buona rete di link interni, è il momento di curare l’aspetto “social”, passando per esempio da questi quattro punti:

  1. Aggiungi i pulsanti di condivisione social ai tuoi articoli.
  2. Rendi i contenuti visual facili da condividere – ad esempio puoi aggiungere il pulsante “Pin It” alle immagini.
  3. Aggiungi il gadget “click to tweet” nei tuoi contenuti, per fare in modo che il lettore possa facilmente condividere una citazione dell’articolo ai suoi follower su Twitter.
  4. Pubblica i contenuti direttamente su LinkedIn.

#3. Usa la newsletter in modo intelligente

Nello strutturare la tua strategia di uso della newsletter devi innanzitutto aver chiaro chi è il tuo target: a chi saranno indirizzate le e-mail?
Inoltre, ogni singola e-mail dev’essere chiara, informativa e piacevole da leggere. E deve avere un unico obiettivo di conversione, per evitare di creare confusione (o fastidio) nel destinatario.
Hai mai pensato che potresti utilizzare le e-mail per riproporre i tuoi vecchi post? Potresti facilmente suggerirli ai nuovi iscritti alla newsletter, per fare in modo che anche loro possano beneficiare delle informazioni più datate – se ancora attuali e utili – del tuo blog.
Ah, dimenticavo: ribadire che nella firma delle e-mail va inserito un link al tuo blog è superfluo, vero? 🙂

#4. Cerca di capire come possono aiutarti gli altri blogger

Il tuo rapporto con gli altri blogger influenza molto il tuo modo di fare blogging, ed è per questo che, giusto per fare un esempio, devi fare particolare attenzione a concordare con altri autori tattiche di link building scorrette e potenzialmente dannose. Il “tu linkami che poi ti linko a mia volta” è una di queste pratiche (scambio di link), e può dare grossi problemi con Google.
Che puoi fare allora? Beh, in linea di massima, puoi chiedere ad altri blogger di scrivere un contributo per te. Di più: chiedi tu stesso di poter scrivere qualche guest post su blog più popolari e affermati, e lascia commenti utili e interessanti negli altri blog di rilievo e a tema con il tuo che incontri sul tuo cammino. Potrebbero nascere delle relazioni da queste tattiche.

Bonus extra

Se tutto ciò non ti sembra abbastanza, ecco una dose supplementare di consigli per aumentare la portata del traffico verso il tuo blog:

  • Individua un problema comune alla tua nicchia e crea contenuti o strumenti gratuiti per risolverlo.
  • Scopri che cos’è che funziona già alla grande sul tuo blog e spingi su quello.
  • Diventa una fonte autorevole per i giornalisti, così sarai menzionato nei loro articoli e magari ti intervisteranno pure.
  • Chiedi ai tuoi contatti più stretti e interessati se hanno voglia di condividere i tuoi post.

Con un po’ di pazienza e la volontà necessaria per ogni tipo di cambiamento, se studierai queste piccole ma redditizie strategie e riuscirai ad attuarle come si deve, allora potrai raccogliere in futuro i frutti del tuo lavoro.

Che cosa aggiungeresti a questo mix di preziosi consigli su come aumentare i visitatori verso il tuo blog? Qual è la tua personale ricetta per emergere dal rumore di fondo della blogsfera?


aumentare traffico blogQuesto articolo su come riuscire ad aumentare il numero dei lettori di un blog, cioè in altri termini su come riuscire a incrementare il traffico web verso un blog, è un guest post scritto da Maria Grazia Tecchia, content creator professionista e grande appassionata di smartphone, tablet, computer e, più in generale, di qualsiasi accessorio tecnologico.
Oltre che un’esperta di comunicazione sul web, Maria Grazia è anche l’autrice di Tecnologia 360, blog in cui ha coniugato l’arte della scrittura per il web alla sua passione per tutto quello che è device tecnologico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*