Come creare il post perfetto sui social media?

social mediaCome creare un post efficace sui differenti social media? A questa domanda dà risposta un’infografica (a destra, clicca per ingrandire) di My Clever Agency, che spiega in particolar modo come i brand devono comunicare sulle piattaforme sociali.

I consigli che leggerai ti consentiranno di creare post che attirano l’attenzione degli utenti sui social media più diffusi. Ciò ti permetterà di aumentare la tua autorevolezza sui social network e di ottenere un buon incremento delle condivisioni per i tuoi contenuti web. Non poco, vero?

Andiamo però con ordine. L’infografica dà suggerimenti per scrivere i contenuti sui seguenti social media: Facebook, Twitter, Pinterest e Google Plus. C’è poi anche una chicca finale: l’indicazione degli orari in cui è preferibile postare per ottenere il massimo dell’attenzione – e quindi delle condivisioni – da parte degli utenti delle diverse piattaforme sociali.

 

Come scrivere un post che funziona su Facebook

Ecco i consigli che ci vengono dati per scrivere un contenuto su Facebook e ottenere il massimo dell’attenzione su questo social media:

  • Sii positivo. La gente è su Facebook sostanzialmente per distrarsi. Se condividi con il tuo pubblico dei contenuti noiosi, non aspettarti di ottenere chissà quale attenzione e chissà quante condivisioni.
  • Crea contenuti di qualità. Se vuoi che gli utenti di Facebook facciano clic sui link aziendali che hai inserito nel contenuto, assicurati di offrire loro informazioni di grande qualità. E non svelare tutto nel testo che accompagna il link! Mantieni viva la loro curiosità: fa’ loro capire che, se seguono il link, otterranno il grosso delle informazioni interessanti.
  • Inserisci un’immagine. Le immagini catturano l’attenzione alla grande. E il numero di condivisioni si impenna.
  • Partecipa al dialogo. Se condividi un post di qualità, avrai commenti oltre che condivisioni. Non abbandonare il tuo pubblico: partecipa alla discussione commentando a tua volta e rispondendo alle domande dei lettori. Non perdere l’occasione di creare relazioni!
  • Pensa a chi si connette via mobile. Moltissimi utenti di Facebook fruiscono di questa piattaforma social via smartphone o altri device mobili. È perciò il caso di tenerne conto nella progettazione dei tuoi contenuti web!
  • Pubblica nell’orario corretto. Che significa? Devi pubblicare i tuoi post non durante gli orari di apertura dell’azienda, ma quando il tuo pubblico è online su questo social network! Altrimenti, la tua efficacia ne risulterà molto diminuita.

 

Come scrivere un contenuto che funziona su Twitter

Su Twitter sei vincolato a usare un numero ridottissimo di caratteri per scrivere un messaggio. Ecco allora quali consigli ci vengono forniti per comunicare con efficacia su questo social media:

  • Scegli bene la forma della tua comunicazione. Come detto, lo spazio a disposizione è scarso su Twitter. Perciò, sii molto attento a dare le informazioni in modo accattivante. Per esempio, puoi fare una domanda per stimolare la curiosità dei tuoi lettori. In sostanza: il messaggio del tuo tweet deve essere irresistibile, deve far venir voglia agli utenti di cliccare il link che hai condiviso con loro.
  • Usa una punteggiatura corretta. Metti le maiuscole dove serve ed evita le abbreviazioni.
  • Accorcia gli URL. Accorciare gli URL dei link ti fa risparmiare spazio nel tweet. Per fare questo puoi usare per esempio un servizio come Bit.ly.
  • Usa le menzioni. Se usate in modo strategico, potranno aiutarti a stringere legami anche con utenti di Twitter che sono influenti nella tua nicchia.
  • Fa’ retweet dei contenuti altrui. Hai scoperto uno o più contenuti di qualità pubblicati da altri utenti di Twitter? Bene, condividili con i tuoi follower! E non dimenticarti di ringraziare chi fa lo stesso con te, cioè chi fa retweet dei contenuti di qualità che hai scritto e pubblicato tu.

 

Come usare Pinterest in modo ottimale

Ecco quali sono i consigli dell’infografica per fare un uso ottimale di questo social media:

  • Le immagini senza volti umani sono repinnate molto più sovente rispetto a quelle che contengono volti umani. E questo vale anche quando a condividere le immagini sono i brand.
  • Le immagini che contengono più colori distinguibili hanno oltre il triplo delle possibilità di essere repinnate.
  • Le immagini col 50% di saturazione vengono repinnate quattro volte di più rispetto alle immagini che hanno il 100% della saturazione.
  • Quando lo sfondo occupa oltre il 40% dell’area dell’immagine, le condivisioni si dimezzano o addirittura scendono a un quarto.
  • Le immagini che presentano una predominanza del colore rosso o del colore arancio ottengono il doppio delle condivisioni.
  • L’orientamento verticale dell’immagine è quello che viene più premiato dal gradimento del pubblico su questo social media. E la proporzione ideale da questo punto di vista sta tra 2:3 e 4:5.

 

Come scrivere un post efficace su Google Plus

Ecco i consigli per usare al massimo delle potenzialità il social media di Google:

  • Tagga le persone e i brand nei tuoi post – badando però a non forzare la mano – per creare engagement.
  • Usa gli hashtag per rendere i tuoi contenuti maggiormente reperibili nelle ricerche del pubblico della tua nicchia.
  • Usa “Temi caldi” per vedere quali di questi argomenti meritano un intervento tattico da parte tua che preveda la creazione di un contenuto ad hoc su Google Plus.
  • Massima attenzione alla scelta delle immagini: anche qui, come un po’ per tutti i social media, le immagini possono decisamente attirare l’attenzione dei visitatori.
  • Partecipa alle discussioni che si articolano nei contenuti che hai condiviso. Rispondere ai commenti degli altri utenti è anche un modo di consolidare le tue relazioni o di stringerne di nuove.

 

A che ora conviene condividere un contenuto sui social media?

Da ultimo, l’infografica ci dice quando è meglio pubblicare i contenuti del brand, allo scopo di avere la massima attenzione dagli utenti dei singoli social media e, quindi, il maggior numero di condivisioni.

Tali dati mi sembrano però da prendere con cautela. Primo perché sono riferiti agli utenti USA. Secondo perché un’analisi scrupolosa dovrebbe tener conto anche della specifica nicchia in cui opera il brand, cioè delle abitudini d’uso del singolo social media da parte degli utenti della specifica nicchia.

creare post social media

E tu come la vedi? Avresti altri consigli da dare su come un brand deve scrivere un post o un contenuto su questi social media? E poi: secondo te, gli orari migliori per la pubblicazione dei contenuti sono quelli indicati dall’infografica oppure la tua esperienza va in un’altra direzione?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*