SEO e seduzione

Google Analytics indica che ieri il blog ha ricevuto una visita da questa ricerca su Google: “mi serve parole per parlare con una ragazza per la prima volta”. Ignoro come Google possa aver mostrato nelle SERP di quella keyword il mio blog: qui si parla d’altro. E infatti l’analisi della frequenza di rimbalzo dice che il visitatore ha subito abbandonato il blog.

La vicenda mi ha fatto pensare a varie cose. Innanzitutto, è proprio vero: oramai le persone non usano più keyword di una sola parola per le loro ricerche sui motori.  🙂  In questo caso, la keyword era composta da ben dodici parole.

Poi, ho pensato che le vie del SEO sono infinite. A volte, insegui un buon posizionamento per una keyword e, involontariamente, ottieni buoni risultati anche per altre keyword.

Altro pensiero: la comunicazione tra persone è fatta al 7% di linguaggio verbale. Il linguaggio paraverbale rappresenta il 38% della comunicazione interpersonale. Ben il 55% della nostra comunicazione è fatta di linguaggio non verbale. In estrema sintesi: non conta tanto quello che diciamo, ma come lo diciamo. Perciò, al visitatore del blog in cerca di ricette per impressionare una bella sconosciuta si potrebbe consigliare: non fissarti sulle parole da dire, ma su come dirle.  🙂

Certo: una volta agganciata la ragazza, bisognerebbe dare più valore ai contenuti piuttosto che alla loro presentazione. “Content is the king” non solo sul web, ma anche nella comunicazione interpersonale. Oppure no?  🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*