Distinguersi è fondamentale per competere nel business

differenziarsi competitorHo scritto vari articoli su quant’è importante distinguere la propria azienda dalla concorrenza. È importante per darle un’identità unica e farla così diventare un vero e proprio brand. Il che le dà un grande vantaggio competitivo.

Ti ho anche consigliato degli ottimi libri sull’argomento, come per esempio lo splendido Differenziarsi o perire di Jack Trout. In poche parole: ti ho suggerito tante volte di fare marketing.

In effetti, le prove che fare marketing è indispensabile si trovano un po’ ovunque. Non mi credi? Allora ascolta quello che mi è successo in questi giorni. Di mio, sono uno che legge due-tre libri al mese. Perché i libri mi insegnano parecchio. Non leggo solo testi di marketing e comunicazione: leggo anche saggi storici e narrativa. Per esempio, ora sto leggendo Le 48 leggi del potere di Robert Greene.

È un saggio piuttosto cinico e spregiudicato, ma interessante. Per capirci, un testo così l’avrebbero potuto scrivere Niccolò Machiavelli o Baltasar Gracián. Ma… che c’entra un’opera simile con il marketing? Perché ci trovo dei collegamenti con il mondo del business?

No, non è quello che probabilmente stai pensando. Un libro così non lo consiglierei ai manager in carriera, per guidarli nella scalata ai vertici aziendali. Al limite, lo consiglierei a chi vuole comprendere meglio la natura umana. Questo, tra l’altro, è il motivo per cui lo sto leggendo io. E dunque? Che c’entra il lavoro di Greene con il marketing? Te lo spiego subito. Per farlo, cito alcuni brani del testo.

Nel capitolo dedicato alla quinta legge del potere (“Difendete strenuamente la vostra reputazione”), si legge: “È buona regola semplificare, basando la propria reputazione su un singolo elemento, che diventi il segnale distintivo che caratterizza la vostra presenza personale e che affascina gli interlocutori. Può essere l’efficienza, il fascino o un’altra dote caratterizzante”.

Nel capitolo successivo, Greene ci illustra la sesta legge del potere: “Attirate l’attenzione a qualunque costo”. Qui, a un certo punto, leggiamo: “All’inizio della vostra carriera, dovete associare il vostro nome e la vostra reputazione a un’immagine che vi distingua dagli altri. Può trattarsi del modo di vestire o di un tratto della vostra personalità che suscita curiosità e fa parlare di voi. Fatto questo, avete un’immagine e un posto nel firmamento”.

L’undicesima legge del potere ci consiglia invece di rendere le persone dipendenti da noi. In questo capitolo, l’autore scrive: “Dovete possedere la capacità di restare separati dalla folla (…) Il vostro maestro o padrone non potrà trovare facilmente un altro collaboratore con le vostre particolari doti. E se, in verità, non siete così indispensabili, dovete trovare il modo di sembrarlo. Dovete dare la sensazione di possedere conoscenze e capacità speciali”.

Ho scelto di riportare i brani sopra, ma ci sono altre possibili citazioni di questo tenore. Dove voglio arrivare, dunque? Esattamente qui: anche un libro di storia e politica può parlarci indirettamente di marketing. Nelle sue pagine, infatti, Greene ci raccomanda di differenziarci, di essere unici rispetto agli altri. E questa è una cosa di cui hanno maledettamente bisogno anche le aziende. Soprattutto le nostre PMI italiane.

Come ho detto, Le 48 leggi del potere è un libro cinico e spregiudicato. Non a tutti può piacere. Ma anche questo è marketing: lo scrittore americano non ha pubblicato un saggio buono per tutti. Il suo target sono gli appassionati di strategia, storia, management. Io sono tra questi e l’ho comprato. Forse tu ami leggere altro, quindi non comprerai mai una sua opera. È giusto così. Greene lo sa e non spenderà un solo minuto nel tentativo di convincerti: sei fuori target per lui. Sa che deve parlare a me e non a te.

Tu sei un imprenditore? Hai una PMI? Che cosa fai per distinguere il tuo business da quelli dei tuoi concorrenti? Che cosa fai per trasformare i tuoi prodotti o servizi da banali commodity a brand insostituibili? Più in generale: riesci a fare marketing in modo efficace nella tua impresa? Lascia un commento qui sotto per condividere con noi la tua opinione!

 

Vuoi vendere più prodotti e servizi?
Porta il marketing in azienda.
>>> Contattami e parliamone! <<<

 


marketing per competereQuesto post che ti indica come mai è così fondamentale distinguersi per competere nel mondo del business è stato scritto da Alessandro Scuratti, content specialist e business blogger.
Da oltre 20 anni mi occupo di comunicazione per le aziende, come business writer e come content marketer. Dal 2011, gestisco questo mio business blog, che raccoglie migliaia di visite al giorno. Sono autore di “Scrivere per il web 2.0”.
Vuoi contattarmi per saperne di più su come fare content marketing su un blog aziendale? Vuoi discutere con me su come riuscire a intercettare i bisogni del tuo target di consumatori e trovare così nuovi clienti?Puoi farlo da questa pagina!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*