Archivi categoria: Marketing classico

Focus di Al Ries [RECENSIONE]

focus al ries marketing strategicoFocus (lo puoi trovare su Amazon) è una guida strategica. Indica come focalizzare – e come mantenere focalizzata nel tempo – un’azienda sul prodotto o servizio che crea. In effetti, la focalizzazione è una strategia che si dimostra sempre vincente nel business, perché le imprese focalizzate hanno una direzione chiara. Di conseguenza, riescono a fare marketing strategico e operativo in modo efficace. I business focalizzati riescono cioè a differenziarsi dai concorrenti, facendosi percepire come unici dai potenziali clienti.

A distanza di un paio d’anni, ripropongo questa mia recensione del manuale di Al Ries per un motivo preciso: è sempre più evidente l’importanza per le imprese di avere una strategia e fare marketing. Chi sceglie invece di partire dal prodotto, senza darsi un posizionamento di marca e un’identità forte, rischia poi di trovarsi in difficoltà. Non è infatti possibile affrontare i mercati fidandosi della sola qualità dei propri prodotti o della convenienza dei propri prezzi. Serve molto di più. Focus ci spiega che cosa, nello specifico. Continua a leggere…

Fare marketing è come essere Chris Andersen

marketingChi è Chris Andersen? È un ex giocatore di basket, di ruolo ala grande o anche centro. Ha giocato quattordici stagioni nella NBA, il campionato professionistico americano. Perché Andersen ha a che fare con il marketing? Il motivo è che la sua carriera sportiva può essere letta anche in chiave di marketing. Adesso ti spiego come mai.

Andersen arriva in NBA nel 2001, a ventitré anni. Ci entra dalla porta di servizio: negli anni precedenti, nessuna squadra l’ha ingaggiato al Draft. Lo firmano i Denver Naggets, dopo un provino, a stagione 2001/2002 già iniziata. Il giocatore non è di certo un campione: nel suo primo anno, gioca solo 24 partite (su 82), partendo soltanto una volta da titolare. In media, vede il campo per meno di 11 minuti a partita: a fine anno, risulterà il meno impiegato di tutta la squadra. Sempre in media, segna 3 punti, prende 3,2 rimbalzi e dà 1,2 stoppate a partita. Sono cifre indubbiamente da rincalzo (per la verità, il numero di stoppate è alto rispetto ai minuti giocati). Continua a leggere…

La chiarezza è vincente anche nel marketing

marketingDue giorni fa, ero da un cliente. L’ho aiutato a definire con precisione il posizionamento di marca della sua azienda. Aiutare un’impresa a fare marketing è sempre stimolante. Ed è anche una grande responsabilità, perché lì si decide in qualche modo il futuro del business. Non si può sbagliare, altrimenti sono guai.

Due giorni fa, ancora una volta, ho avuto la prova di quanto la chiarezza sia fondamentale nel fare marketing. Pensiamoci sopra un attimo. In fin dei conti, che cos’è il marketing? Scegliere che cosa offriremo al mercato. Di riflesso, il mercato deve comprendere in modo inequivocabile che cosa potrà ottenere da noi. (E perché la nostra offerta è diversa dalle altre). Continua a leggere…

Perché un potenziale cliente dovrebbe comprare da te?

perché un cliente compra da te?Ogni volta che inizio a collaborare con un imprenditore o un manager, una delle prime domande che faccio è: perché un potenziale cliente dovrebbe comprare da te invece che dalla concorrenza? In altri termini: che motivazioni d’acquisto dai alla tua clientela?

La risposta a questa domanda dovrebbe essere semplice. Dovrebbe. In realtà, spesso, la domanda sorprende l’interlocutore. Lo mette in difficoltà. Come mai? Tutti siamo costantemente assorbiti dalle urgenze lavorative: non abbiamo quasi mai tempo di pensare alla strategia aziendale. Perciò, quando qualcuno ci fa una domanda strategica ci spiazza. Continua a leggere…

Come renderti inattaccabile dai concorrenti?

azienda inattaccabile dalla concorrenzaUna PMI è costantemente sotto il tiro dei concorrenti. Non parlo solo degli attacchi portati da altre PMI italiane. Mi riferisco anche agli attacchi che arrivano da società fuori dai confini nazionali. Per esempio, sto pensando alle insidie dei grandi distributori internazionali, come Amazon. È un assalto continuo, giocato spesso sul prezzo.

Come può una PMI fronteggiare queste aggressioni commerciali? Esiste un metodo per renderle inefficaci? Sì, questo metodo c’è e si chiama marketing. Nello specifico, se la tua impresa ha un posizionamento di marca, riesce a farsi percepire come differente dai concorrenti. Così facendo, diventa un brand riconosciuto dai clienti. Il che fa di lei una proposta unica sul mercato, cioè non confrontabile con quelle della concorrenza. Continua a leggere…